Wind vince il Premio Charlot per la miglior pubblicità


wind_nuovologoWind ottiene un altro prestigioso riconoscimento come migliore pubblicità “per l’ironia e la comicità mai eccesiva e mai volgare utilizzata nei suoi spot” dalla giuria del Premio Charlot giunto alla XXVIII edizione.

Il Premio è stato consegnato a Wind nella serata di gala della manifestazione, che si è tenuta il 29 luglio 2016 all’Arena del Mare di Salerno.

Claudia Erba, direttore advertising di Wind, commenta: Wind_adv_summer16_L“Siamo molto orgogliosi di aver ricevuto un prestigioso riconoscimento come il Premio Charlot, che ci conferma la strategia vincente di comunicazione di Wind, basata sui valori del nostro Brand: chiarezza, trasparenza e semplicità”.  “Volentieri condividiamo questo premio – continua la manager – anche con i nostri testimonial, veri e propri ambasciatori del marchio, che ci aiutano a realizzare una comunicazione vicina alla gente comune, capace di arrivare nelle case degli italiani in modo semplice e diretto, con gag racchiuse in 30 secondi di puro intrattenimento”.

Inoltre, due statuette, raffiguranti Charlie Chaplin sono state assegnate a due artisti salernitani d’adozione: Giovanni Esposito, il simpatico attore che affianca Giorgio Panariello negli spot Wind e Riccardo Cassini, autore delle pubblicità dell’azienda di telecomunicazioni.

Comunicato Stampa

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus