Intermatica lancia PhoneAll, una nuova app con numero mobile personale. Telefonate e messaggi gratis verso tutti i numeri fissi e mobili italiani


phoneallSi chiama “Phoneall” ed è la nuova app per telefonia mobile via internet lanciata da Intermatica, importante operatore telefonico nazionale e service provider leader nei servizi di comunicazione satellitare. Questa app, disponibile da oggi negli store Apple (piattaforma iOs) o Google Play (piattaforma Android), consente di effettuare chiamate VoIP* (voce tramite protocollo internet) gratuite verso tutti i numeri fissi e mobili italiani, oltre che verso tutti coloro che hanno installato la stessa app sul proprio smartphone.

Per tutti gli altri numeri nel mondo, le tariffe sono particolarmente convenienti. In pratica, gli utenti diventano intestatari di un numero mobile personale, che li rende riconoscibili e sul quale possono essere anche richiamati. Ciò non è possibile con gli altri servizi VoIP, che per ogni collegamento assegnano un diverso identificativo.

intermaticaPhoneall è un prodotto innovativo, radicalmente diverso da tutto ciò che oggi c’è in commercio, è un vero ‘telefono-nel-telefono’ che assegna al cliente una propria identità telefonica“, spiega Claudio Castellani, fondatore e presidente di Intermatica. “Questa app rivoluzionaria lascerà il segno nella gestione tradizionale della telefonia mobile e rappresenterà un cambiamento di rotta epocale. Ci sono tante app VoIP sul mercato, ma questa è gestita direttamente da un carrier, la sola che fornisce un numero mobile personale e assicura un’alta qualità del servizio“.

La creazione dell’app “Phoneall” nasce dalla lunga esperienza di Intermatica nel settore delle carte telefoniche prepagate a pin. Si tratta di una tecnologia consolidata, che ha trovato inizialmente nel mercato etnico, cioè negli extracomunitari che lavorano in Italia, la sua principale clientela.

fondatoreintermatica

Claudio Castellani, fondatore e presidente di Intermatica

L’introduzione della nuova app VoIP offre una user experience identica a quella di un normale smartphone, senza la necessità di inserire codici o pin. Attivare l’app “Phoneall” è semplice. Basta scaricare gratuitamente la app dagli store Apple (piattaforma iOs) o Google Play (piattaforma Android) e avviarla. Poi è sufficiente inserire il proprio numero di cellulare per ricevere via sms il codice di attivazione e sarà possibile iniziare a telefonare con il nuovo numero mobile personale.

Nei primi 2 anni prevediamo un mercato di 1-1,5 milioni di utenti solo sul territorio italiano, di cui il 30-40% saranno stranieri e il resto nostri connazionali”, afferma il presidente Castellani. “Per quanto riguarda gli utenti italiani, i primi fruitori saranno i segmenti young e millennial, giovani fino ai 30 anni di età che per comunicare già utilizzano brevi messaggi audio tramite la piattaforma whatsapp e che sicuramente gradiranno la possibilità di telefonare e chattare gratis con il loro smartphone. Interessante sarà anche il mercato degli italiani che viaggiano per motivi di lavoro o di svago e per coloro che vivono all’estero“.

Comunicato Stampa

*L’Applicazione PhoneAll può essere utilizzata esclusivamente sotto copertura Wi-fi o 3G. E’ possibile incorrere in costi aggiuntivi da parte del tuo operatore telefonico durante il roaming internazionale o qualora tu non fossi in possesso di un abbonamento internet flat.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus