AGCOM interviene sulla riduzione a 28 giorni della durata delle offerte ricaricabili degli operatori Tim, Vodafone e Wind


agcomIl Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, nel corso della riunione del 28 luglio 2015, ha analizzato l’attività di vigilanza svolta dagli uffici sull’introduzione negli ultimi mesi da parte dei principali operatori di telefonia mobile di modalità di rinnovo automatico delle offerte ricaricabili ogni quattro settimane e non più mensilmente come in precedenza. Sul piano economico, l’effetto della nuova modalità di tariffazione implica un aumento medio annuo della spesa di circa il 7%.

Nello specifico, le nuove sottoscrizioni ad offerte ricaricabili dell’operatore Wind (dallo scorso mese di Marzo 2015) e Vodafone (da Giugno 2015) avranno il rinnovo automatico ogni 28 giorni e non più mensilmente come in precedenza. L’operatore TIM, invece, a partire dal prossimo 2 agosto 2015, ha da un lato previsto il rinnovo ogni 28 giorni per le nuove sottoscrizioni, dall’altro ha comunicato all’Autorità l’intenzione di estendere la modalità a numerosi piani tariffari dell’offerta ricaricabile già sottoscritti, con effetto anche sui propri clienti.

Relativamente alle nuove sottoscrizioni, l’Autorità, pur riconoscendo la libertà commerciale degli operatori, ha ritenuto opportuno segnalare all’Autorità antitrust, per gli accertamenti di competenza, gli effetti sulla concorrenza derivanti dalla concomitanza delle politiche tariffarie delineate, e in particolare gli effetti restrittivi sugli utenti di ricaricabili che in pochi mesi hanno visto drasticamente ridursi la possibilità di reperire sul mercato offerte di rinnovo automatico della tariffazione alternative a quella ogni 28 giorni.

CalendarCon particolare riferimento alla rimodulazione tariffaria operata da TIM rispetto ai piani attualmente in vigore, l’Autorità invece ha ritenuto non completa l’informazione agli utenti sull’intenzione di rimodulare le offerte già sottoscritte, informazione necessaria a garantire il diritto di recedere dal contratto, eventualmente passando ad altro operatore, senza penali o costi di disattivazione. Pertanto, con delibera n. 463/15/CONS l’Autorità ha diffidato la Società al rispetto degli articoli 70 e 71 del codice delle comunicazioni e, conseguentemente, a prorogare di sessanta giorni, decorrenti dalla completa informativa agli utenti interessati, il termine per l’esercizio del diritto di recesso senza costi.

L’auspicio dell’Autorità è che, grazie a tale misura, gli utenti possano acquisire maggiore consapevolezza della reale portata della manovra e scegliere con consapevolezza se esercitare il diritto di recedere dal contratto, passando ad operatori alternativi.

Comunicato Stampa AGCOM

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • newpirate1949

    chi ha un piano”per sempre” tale deve rimanere.piaccia o non piaccia alle tlc.le successive modifiche per loro non valgono

  • Simone Marchini

    Infatti è una presa per il culo perché stiamo dietro alle promozioni e insistono col dire offerta per sempre, offerta a tempo indeterminato e poi esiste una legge che gli dà il diritto di modificare la nostra promozione purché ci diano il preavviso di 60 giorni e poter recedere senza penali

  • Simone Marchini

    Sono d’accordo con te, l’unica modifica che posso accettare e l’aumento di prezzo per effetto dell’aumento dell’Iva