RealVision presenta la tecnologia 3D senza occhiali polarizzati


Tablet3DE’ italiana l’azienda che ha progettato, realizzato e brevettato a livello internazionale il sistema di visione 3D senza l’ausilio di occhiali polarizzati. Un sistema 3D con occhiali polarizzati può spesso causare problemi alla vista, soprattutto in soggetti sensibili. KIWIE 3D RealVision non produce alcun problema di vista e permette a chiunque di apprezzare un’ottima visione in 3D senza l’ausilio di occhiali. A livello corticale, KIWIE 3D RealVision produce un’esperienza visiva realistica senza artifizi, permettendo quindi – se utilizzato in campo medico – di analizzare le condizioni reali del paziente. Dall’aerospaziale, al navale, alla difesa, l’industria, la medicina e il consumer, la tecnologia 3D Realvision risulta trasversalmente non solo applicabile, ma anche utile e migliorativa rispetto ogni altro sistema di visione 2D e 3D con occhiali polarizzati.

Realvision nasce per le rispettive competenze professionali dei soci fondatori: Sabino Pisani, CTO – ottico optometrista cognitivo e terapista di neuro sviluppo di esperienza internazionale – e Daniele De Molli,  CEO  – imprenditore specializzato in elettronica di consumo. Completa la struttura manageriale Valerio Piacentini, CFO – tax advisor e docente di diritto commerciale all’Università Bocconi di Milano.

Anni di studi e ricerche hanno portato gli ideatori di RealVision allo sviluppo di una tecnologia innovativa che ha dovuto superare severi test funzionali e garantire la massima qualità, in quanto originariamente finalizzata al campo medico.  Daniele De Molli e Sabino Pisani hanno presentato i prototipi di display –  smartphone 5.5”, tablet fino a 9.7” e monitor da 21” a 65” – con tecnologia 3D Realvision in Australia, USA, Emirati Arabi e in Europa ricevendo riscontri assolutamente positivi.

In ambito medico ad esempio, KIWIE 3D RealVision può essere utilizzato per svolgere test per l’analisi ottica, optometrica e oftalmologica, garantendo un riscontro veritiero, grazie alla visione naturale e senza ostacoli quali barriere polarizzate, filtri colorati o polarizzati. Certificato per uso professionale e diagnostico: il sistema soddisfa i requisiti delle principali norme di riferimento internazionali UNI ISO N 15004-10938-8596-1451. Per essere facilmente implementato all’interno dei processi di lavoro, il software brevettato KIWIE 3D RealVision è in grado di convertire vari linguaggi di sistema portandoli ad un linguaggio compatibile con l’ecosistema in cui si sta inserendo.  Questo permette di risparmiare tempo e risorse, evitando costosi cambiamenti hardware/software e noiosi corsi di formazione per gli operatori.

Un’altra caratteristica innovativa di KIWIE 3D RealVision è la possibilità di effettuare lo streaming Wi-Fi tra i dispositivi: Display, Microscopi o Telecamere 3D.  Ad esempio, uno specialista operante a New York sarà in grado di seguire, in diretta 3D e senza rallentamenti, un intervento chirurgico che si sta tenendo a Roma, caratteristica attualmente difficile da effettuare a causa del “peso” di un video 3D.

L’elevata compatibilità e l’indubbia innovazione tecnologica sviluppata da RealVision grazie anche ai 5 brevetti di invenzione già WIPO, apre all’applicazione del 3D in ogni settore, Medicale, Aereospaziale, Navale, Industriale, Ludico, Pubblicitario, Progettazione, Geodesia e ovunque vi sia la necessità di una Visione naturale e di impatto realistico.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus