Fastweb inaugura a Milano l’infrastruttura di Nuova Generazione per le aziende


fastweb-logoFastweb ha annunciato questo mese la realizzazione di una nuova infrastruttura integrata di sicurezza per i clienti aziendali composta dal nuovo Data Center di Milano, il più sicuro e affidabile in Italia secondo la certificazione dell’Uptime Institute, e dal Security Operation Center, il centro che protegge le aziende clienti da attacchi informatici. Entrambi i centri sono interconnessi direttamente sul backbone Ip in fibra di Fastweb, in modo da garantire molteplici instradamenti dei dati. Un nuovo concetto di sicurezza integrata per le aziende e la prima infrastruttura del genere in Italia.

Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, ha dichiarato: «Inauguriamo oggi un’infrastruttura essenziale per la digitalizzazione del Paese. Quindici anni fa siamo stati i primi a investire nella fibra ottica in Italia. Oggi abbiamo davanti a noi un’altra sfida: quella di offrire infrastrutture sicure per i dati delle aziende, perché sono i dati la più grande ricchezza nell’era digitale. Realizzare Data Center interamente ridondati e interconnessi su rete Fastweb, con il monitoraggio integrato della sicurezza informatica, significa dotare l’Italia di una infrastruttura all’avanguardia mondiale, indispensabile per la digitalizzazione della parte produttiva del Paese».

Il Data Center milanese, che va ad aggiungersi ad altri impianti che Fastweb ha realizzato in questi anni, è il primo in Italia certificato non solo sul design ma anche sulla costruzione Tier IV dall’Istituto Uptime di New York, l’ente che valuta l’affidabilità e la continuità del servizio e delle architetture di ridondanza dei Data Center in tutto il mondo. Si distingue per efficienza, potenza, sicurezza, rispetto dell’ambiente e livello di automazione.

Unica in Italia ad avere ottenuto il doppio livello di certificazione (sono solo sette in Europa e venti nel mondo), la struttura milanese costituisce un’eccellenza nazionale nell’affidabilità dei servizi per le aziende. Essendo interamente ridondato, l’impianto garantisce la continuità dei servizi con soglie altissime (oltre il 99,997%) certificate dall’istituto americano dopo approfondite visite e controlli. La sicurezza è garantita, oltre che da sistemi antincendio, antiallagamento, gruppi di continuità, anche da sistemi di videosorveglianza e di controllo degli accessi, di ultima generazione. Il livello di automazione è elevatissimo e gestisce contemporaneamente circa diecimila variabili.  Il nuovo Data Center è stato studiato nei dettagli anche per quanto riguarda la sostenibilità ambientale e l’attenzione all’inquinamento ed è alimentato con energia proveniente unicamente da fonti rinnovabili. Grazie a un innovativo sistema di raffreddamento ha un’elevata efficienza energetica (Power Use Effectiviness PUE 1,25): ogni anno vengono risparmiate 3.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica, pari a 60 voli Milano-Roma. Il centro dati milanese fa parte del 6% dei Data Center meno inquinanti al mondo.

Ogni anno Fastweb investe il 34% del suo fatturato, ovvero circa 500 milioni di euro, per la realizzazione di infrastrutture e per l’estensione della propria rete in fibra ottica e con questo investimento intende rafforzare ulteriormente la propria presenza nel mercato delle grandi aziende e della pubblica amministrazione, dove, con una quota di mercato del 25%, è il secondo operatore italiano dopo Telecom Italia. Le aziende italiane hanno oggi bisogno, oltre che di connettività a banda ultralarga, di Data Center di nuova generazione dove far convergere i dati e le applicazioni utilizzate per il core business, con servizi di sicurezza garantiti. Il traffico internet cresce di oltre il 30% all’anno, stimolato dalla crescita dei servizi di cloud computing (+20% all’anno), e a questi si aggiunge un aumento di oltre il 40% annuo degli attacchi informatici. Questi trend sono sostenuti da diversi fattori: diffusione dei servizi streaming video e audio, accessibili da cloud e sempre meno da piattaforme Peer to Peer; diffusione delle applicazioni per achiviazione di documenti, video, audio; abitudine all’uso di più di un apparato (smartphone, tablet, pc, tv) per la connessione a Internet e alle applicazioni; infine lo sviluppo di Internet of Things che ha nel cloud e nello storage dati i suoi naturali complementi.

Se da una parte le aziende hanno bisogno di Data Center di ultima generazione per il cloud computing, dall’altra – a causa del moltiplicarsi degli apparati con cui accedere ai dati, in particolare apparati in mobilità – sono esposte sempre di più ai rischi del cybercrime. Per questo Fastweb ha deciso di mettere a disposizione dei propri clienti anche un centro di competenza per offrire prevenzione e difesa da attacchi informatici, il Security Operation Center, costituito interamente da personale Fastweb altamente qualificato e operante 24 ore su 24 su 365 giorni nella sede milanese. Nel 2014, il centro operativo Fastweb ha analizzato e gestito circa 5 milioni di eventi di sicurezza informatica. Oltre il 90% era relativo a cybercrime, quindi a comportamenti criminali volti a derubare le aziende.

Poter avere a disposizione un Data Center di Nuova Generazione su territorio nazionale è cruciale per le aziende, perché offre loro la certezza sulla localizzazione dei propri dati, sulle regole di pricacy e sulle leggi applicate, oltre alla sicurezza di potersi rivolgere ai tribunali nazionali in caso di controversia.

Comunicato Stampa FastWeb

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus