wiMAN, l’app mobile per connettersi in modo semplice a tutte le reti WiFi del mondo


export-androidConnettersi in modo semplice a tutte le reti WiFi del mondo è la nuova missione dell’App wiMAN. Novità in casa wiMAN: la sua App mobile si rinnova completamente con l’ambiziosa missione di aiutare gli utenti a trovare le reti WiFi aperte di tutto il mondo e connettersi in modo estremamente semplice.

wiMAN, la startup italiana fondata nel 2012 da Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro con lo scopo di semplificare la gestione e l’accesso alle reti WiFi, lancia oggi la nuova versione dell’app mobile, rilasciata per la prima volta nel 2013 e che oggi è completamente rinnovata, sia nella sua veste grafica che, soprattutto, nella sua missione.

 

Caratteristiche principali dell’App Android:

  • Accesso ad un database di oltre 7 milioni di reti WiFi aperte
  • Possibilità di condividere una rete WiFi con la community di wiMAN
  • Download delle mappe delle reti WiFi per la consultazione offline
  • Connessione automatica alle reti aperte e alle reti condivise dalla community grazie ad un algoritmo che determina la rete migliore in tempo reale
  • Analisi della velocità della rete WiFi, valutazione e condivisione dei risultati con la community di wiMAN
  • Nuova veste grafica che adotta lo stile “material design”

 

Caratteristiche principali dell’App iOS:

  • Accesso ad un database di oltre 7 milioni di reti WiFi  aperte
  • Download delle mappe delle reti WiFi per la consultazione offline
  • Analisi della velocità della rete WiFi, valutazione e condivisione dei risultati con la community di wiMAN

 

export-iosNuova veste grafica“Nel 2013 abbiamo lanciato la prima versione dell’App per semplificare ulteriormente l’accesso alle reti WiFi  generate dai router wiMAN, permettendo agli utenti dell’App di connettersi automaticamente”, spiega Michele di Mauro, Founder e CTO di wiMAN. “Dopo gli ottimi risultati raggiunti con la prima versione, abbiamo deciso di svilupparne una nuova per connettere gli utenti a tutte le reti WiFi del mondo, non solo wiMAN. L’obiettivo è quello di creare il più grande database di reti WiFi, verificate e valutate dalla community di utenti wiMAN e di semplice accesso per tutti”.

La nuova App è un progetto di respiro internazionale che rientra nel piano di espansione di wiMAN verso i nuovi mercati, già avviato con gli altri progetti legati al social WiFi” dichiara Massimo Ciuffreda, Founder e CEO di wiMAN. “Un percorso reso possibile anche grazie al contributo dei nostri investitori Tim Ventures, P101, Club Italia Investimenti 2, Nana Bianca e Matteo Riffeser Monti”.

 

Disponibilità:

L’App wiMAN è gratuita e disponibile per Android e iOS. A partire da giovedì 12 marzo 2015 gli utenti Android potranno scaricarla da Google Play; dal 18 marzo 2015, gli utenti iOS potranno scaricarla dall’App Store.

 

Video App Android:

 

Video App iOS:

 

A proposito di wiMAN:

wimaxLa startup, fondata nel 2012, ha sviluppato una tecnologia che, attraverso un router, permette alle attività commerciali di condividere la propria rete WiFi con i clienti, ai quali è garantito un accesso gratuito ed immediato attraverso il social login con Facebook o Google. Ad oggi più di 2.500 attività utilizzano il router wiMAN e più di 500.000 utenti hanno utilizzato il servizio, di cui il 50% stranieri. Nel 2013, la startup ha introdotto anche l’App mobile.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus