Wind multa chi guida senza parlare al telefonino


windWind è on line sul web con una nuova campagna istituzionale. ‘Più vicini a chi usa bene la tecnologia’, questo è il messaggio de “La Multa“, il nuovo video realizzato da Wind per ribadire il valore alla base del posizionamento del brand: la vicinanza alle persone.

Con “La Multa“, video girato a Milano all’inizio di Gennaio 2015, Wind ha realizzato una divertente candid camera in cui due finti vigili urbani fermano per strada ignari automobilisti e fanno credere loro di aver preso una multa di 50 euro per avere guidato senza parlare al telefono.

In realtà, alla fine della candid, gli automobilisti scoprono invece di essere stati premiati con 50 euro di bonus traffico Wind per un uso corretto del cellulare durante la guida. Con questa nuova campagna, Wind vuole “esplorare” sempre più a fondo il concetto di vicinanza e creare un virtuale fil rouge con “Papà”, la precedente campagna istituzionale di Wind, il cortometraggio che ricordava allo spettatore che a volte, per stare vicini, la tecnologia non è tutto. Per Wind, infatti, la tecnologia non può bastare a se stessa: è creata dall’uomo e proprio per questo è potente e non onnipotente. Uno strumento da usare con buon senso, capace di dare il meglio di sé soltanto quando diventa servizio in grado di rispondere davvero ai bisogni delle persone.

Comunicato Stampa

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus