Altroconsumo crea il primo gruppo d’acquisto “Abbassalatariffa”


peopleAttivazioni o servizi internet a pagamento in abbonamento mai richiesti; applicazione non corretta di tariffe, problemi di fatturazione; poca trasparenza nelle offerte commerciali; ritardo nella gestione dei recessi di contratto;  fatturazione traffico dati non gestito correttamente.  Sono 38.585 le segnalazioni e denunce degli utenti di telefonia mobile arrivate ad Altroconsumo dal gennaio 2014 a oggi.

In un mercato convulso, sia per mobilità degli utenti che per crescita della domanda: in Italia le SIM mobili attive nel segmento residenziale sono oltre 76 milioni (12 milioni nel segmento business); il traffico dati da supporti mobili (smartphone, tablet) nei primi 6 mesi del 2014 è cresciuto del 42,9% rispetto al 2013; a fine giugno 2014 il dato cumulato di SIM mobili attive passate ad un altro operatore – attivando la portabilità del numero – è di 71,5 milioni. I principali switch? In favore soprattutto di operatori virtuali.

Abbassa la tariffa è il primo gruppo d’acquisto sulla telefonia mobile lanciato da Altroconsumo. In Europa è la seconda esperienza: l’organizzazione di consumatori indipendente Ocu ha coinvolto in passato 97.000 consumatori.

L’iniziativa è gratuita, aperta a tutti i consumatori italiani interessati a risparmiare sulle tariffe di telefonia mobile (sia voce e SMS che per navigazione Internet da smartphone o tablet) sia su numeri e SIM già esistenti che per nuove attivazioni.

Si organizzerà un’asta tra gli operatori: chi la vincerà sarà l’operatore prescelto per il Gruppo d’acquisto. Invitati all’asta tutti gli operatori di telefonia mobile. Con due condizioni irrinunciabili: saranno ammessi gli operatori le cui condizioni contrattuali, in seguito alle verifiche di Altroconsumo, saranno risultate prive di clausole vessatorie o lesive dei diritti dei consumatori; in possesso di validi requisiti economico-finanziari.

Non rientrano nell’iniziativa e non saranno oggetto d’asta le tariffe business rivolte a titolari di Partita IVA e aziende. Altroconsumo ha alle spalle l’esperienza del 2013 e 2014 di Abbassalabolletta su energia e gas, con oltre 280.000 consumatori coinvolti, garantito un risparmio di oltre 200 euro/annui su luce e gas per le 52.000 famiglie che hanno deciso di cambiare fornitore. È il momento di passare alla telefonia.

I tempi delle principali tappe:

  • adesioni gratuite fino all’11 marzo 2015;
  • asta tra operatori di telefonia mobile: 12 marzo 2015;
  • a partire da fine aprile 2015 verranno comunicate a tutti gli aderenti l’offerta che avrà vinto l’asta, le modalità di sottoscrizione e il risparmio annuale personalizzato calcolato sulla base del proprio profilo di consumo.

Per partecipare o avere maggiori informazioni è sufficiente andare su abbassalatariffa.it oppure, se si è soci, chiamare il numero dedicato 02.6961563 (lun-ven, 9-13 e 14-18) o scrivere a abbassalatariffa@altroconsumo.it; se non si è soci, chiamare il numero verde gratuito da fisso e cellulari 800.137075 (lun-sab 8-20).

Per chi è socio Altroconsumo al momento della registrazione è previsto un vantaggio aggiuntivo: un codice promozionale del valore del 5% di sconto su numerosi prodotti del catalogo Monclick.

Comunicato Stampa AltroConsumo

 

Qual’è il tuo pensiero dopo aver letto questo comunicato stampa di AltroConsumo? Scrivi nei commenti di questa pagina!!!

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus