Antitrust avvia due istruttorie su Tim e Vodafone per servizi di reperibilità


infobluL’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha avviato due istruttorie volte ad accertare il carattere scorretto delle condotte con cui sono state modificate le condizioni di fornitura dei servizi accessori denominati “Chiamami” e  “Recall” di Vodafone e “Losai” e “Chiamaora” di Tim, rendendoli a pagamento.

Le aziende potrebbero, infatti, aver violato le disposizioni del Codice del consumo ove l’adesione all’offerta dei servizi a pagamento, in sede di variazione delle condizioni di fruizione degli stessi o di sottoscrizione di nuovi contratti, dovesse risultare basata su meccanismi che non prevedono un consenso espresso del consumatore. Tali condotte potrebbero dare luogo anche a forniture non richieste. Inoltre, il messaggio inviato da Vodafone ai consumatori potrebbe presentare profili di ingannevolezza in merito ai reali costi del servizio.

Il servizio di reperibilità nella telefonia mobile permette di sapere chi ti ha cercato quando non eri contattabile, poi c’è anche il servizio che ti permette di sapere esattamente quando i tuoi contatti con il tuo attuale gestore sono ritornati raggiungibili. I servizi sono nati da più di 10 anni, sono stati sempre offerti gratuitamente da tutti i gestori di telefonia mobile in Italia (compreso anche i virtuali).

TIM e VODAFONE hanno deciso di far pagare questi servizi con modalità diverse. TIM farà pagare dal 10 Agosto 2014 un canone ogni 4 mesi di 1.90 euro se si utilizza almeno uno dei due servizi, invece VODAFONE dal 21 Luglio 2014 fa pagare 6 centesimi al giorno se utilizzi almeno una volta uno dei due dei servizi in quel giorno.

Tutti i Clienti Tim e Vodafone coinvolti da tale adeguamento riceveranno apposito SMS informativo con le modalità per conoscere le nuove condizioni. La modifica sarà automatica, quindi chi non vuole pagare i costi dei servizi di reperibilità dovrà disattivarli entrambi. Entro il giorno precedente della modifica unilaterale potranno esercitare il diritto di recesso gratuito della propria scheda ricaricabile entro 30 giorni come previsto dall’art 70 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche e dalla vigente normativa o effettuare portabilità verso un altro gestore.

I servizi di TIM si chiamano “Lo Sai di Tim” e “Chiama Ora di Tim“, invece di Vodafone si chiamano “Chiamami” e “ReCall“. Per attivare o disattivare uno o entrambi dei servizi di reperibilità con TIM si deve chiamare 40920 dalla propria scheda ricaricabile, invece per i servizi di VODAFONE si deve chiamare 42070 dalla propria scheda ricaricabile. Vodafone ha creato anche il numero dedicato alla “rimodulazione” il numero 42593, invece TIM utilizza solo il numero 40920 per tutte le informazioni su servizi di reperibilità. Condividi con i vostri amici, parenti questa comunicazione, perchè molti clienti possono non aver letto SMS informativo a partire dal 21 Luglio 2014 possono trovarsi con costi inaspettati di servizi da sempre gratuiti. Per chi attiverà una nuova scheda ricaricabile Tim e Vodafone a partire dal 21 Luglio 2014 dovrà disattivare successivamente i servizi di reperibilità, perchè vengono attivate in automatico durante l’attivazione della stessa scheda. TIM per adesso offrirà il primo canone di 4 mesi gratuito, invece Vodafone addebiterà 6 centesimi al giorno solo se uno dei due servizi sarà utilizzato.

Mondo Mobile Web è un sito ad uso dei consumatori, creato dai consumatori italiani nel mercato della telefonia mobile in Italia che punta sull’interferenza costruttiva e vuole essere uno strumento nelle mani degli stessi lettori nonché terreno di scambio di idee, opinioni, proposte. E’ stata creata una sezione dedicata alle “rimodulazioni tariffarie” dei gestori telefonici utilizzando articolo 70.4 del Dlgs n. 259/2003.

Nel rispetto del consumatore i servizi dovevano essere automaticamente disattivati, poi successivamente attivate a pagamento solo per chi era interessato. Voi cosa ne pensate di questa introduzione di costi nei servizi  di reperibilità? Secondo voi gli altri gestori dopo Tim e Vodafone si adegueranno o lasceranno i servizi gratuiti? L’istruttoria dell’Antitrust servirà qualcosa?

Un saluto da vostro ZioTel.it ;-) Aspetto, come sempre, i vostri commenti con le vostre esperienze (rispettando la netiquette e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori che ci informano aiutando così il consumatore.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • Marco Lucarelli

    Non trovo giusto il pagamento di questi servizi. Per protesta sono passato da vodafone a tre . Per Quest’ultima i servizi di reperibilità sono gratuiti. Basta non sottostare all’imposizione dei colossi.

  • ciro

    Ma tanto adesso c’e l’applicazione gratuita PhoneFunky…. per cui aver messo quei servizi a pagamento non serve a NULLA…..nel senso che probabilmente ora questi cari gestori…..si studieranno un’altra cosa per FREGARE i soldi dei Clienti.
    Per il resto concordo con lo Zio,…..i servizi se diventati a pagamento devono essere automaticamente disattivati, poi se il Cliente vuole attivarli paga.
    Tim sta facendo veramente schifo non si capisce più quale è la data della disattivazione servizi….e io l’sms non lo mai ricevuto. Spero che i Garante….li sanzioni

  • ItaliaFun

    Anche io sono daccordo con ZioTel, era giusto disattivare il servizio a tutti. Poi se il cliente voleva riattivarlo poteva fare benissimo. Io ancora con TIM non riesco a capire se il servizio è in disattivazione oppure no. Ho richiesto la disattivazione su tutte le mie schede ricaricabili 30 giorni fa.