Non sai chi ti ha cercato? Ci pensa PhoneFunky senza costi aggiuntivi!


phonefunkyCapita di ricevere una chiamata importante mentre si è già al telefono, ed è senz’altro comodo ricevere un SMS che ci avvisa. Peccato però che questo messaggio sia diventato da poco un servizio a pagamento per alcuni gestori di telefonia mobile in Italia, e per questo in molti hanno disattivato il servizio e rinunciato a questa informazione potenzialmente tanto importante.

Un bel problema, la cui soluzione si chiama PhoneFunky!

Diventato il sito del momento, PhoneFunky mette a disposizioni servizi utili (tra cui Chi mi ha chiamato) dando la possibilità di usufruirne gratuitamente e senza costi aggiuntivi. Con Chi mi ha chiamato infatti potrai continuare a ricevere notifiche con il numero che ti ha cercato direttamente sul tuo telefono. Chi mi ha chiamato nasce da un’idea italiana come risposta alla nuova politica di alcuni gestori telefonici. A crearlo è DefConTwelve, una giovane società che s’impegna a mantenere il servizio gratuito per sempre.

Il funzionamento è molto semplice: basta registrarsi al servizio scaricando l’App gratuita. Per ora è disponibile solo per Android ma a breve potrà essere scaricata anche da Windows Phone ed iPhone. Per attivarlo bisognerà impostare la deviazione di chiamata sul cellulare, in caso di telefono spento, non raggiungibile oppure occupato. A questo punto le notifiche dell’App ci avviseranno della chiamata ricevuta, ed accedendo si potranno vedere tutti i dettagli.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus