Fastweb, una assoluzione piena


fastweb-logoFastweb accoglie con orgoglio e soddisfazione la sentenza del collegio della prima sezione penale del tribunale di Roma che ha assolto con formula piena, anche per i reati per i quali era nel frattempo intervenuta la prescrizione, Silvio Scaglia, Mario Rossetti e Roberto Contin. La sentenza, oltre a porre fine a una vicenda che ha sconvolto la vita di queste persone, riconosce la correttezza di quanto sostenuto da Fastweb sin dalle prime i ndagini, ossia che la società è stata vittima di una frode fiscale.

E’ stato infatti dimostrato che Fastweb ha sempre correttamente corrisposto l’IVA dovuta ed una associazione criminale, attraverso l’uso fraudolento di complesse transazioni, si è appropriata di questi soldi. La decisione sgretola le ipotesi accusatorie che hanno determinato, tra l’altro, la lunga privazione della libertà degli imputati ieri riconosciuti innocenti, danneggiato il nome e l’attività della Società, mettendone a rischio la stessa sopravvivenza e il lavoro di migliaia di persone, con la minaccia di commissariamento “preventivo”, evitato solo con le generose dimissioni di Stefano Parisi da amministratore delegato.

La sentenza conferma e rafforza la fiducia che Fastweb ha sempre avuto nella giustizia, ma non riesce a cancellare il peso dei gravi danni subiti in conseguenza della scelta di portare sul banco degli imputati le vittime del reato.

Comunicato Stampa Fastweb

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus