Telecom Italia diventa spagnola, quindi la telefonia mobile non è più italiana


orologioLe aziende che operano nella telefonia mobile in Italia, escludendo i gestori virtuali, sono Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia. Con l’aumento della partecipazione azionaria della società spagnola Telefonica all’interno di Telecom Italia, nessuna azienda della telefonia mobile in Italia è più controllata da un imprenditore italiano. Tim – a quanto sembra – sarà spagnola, Vodafone è inglese, Wind è russa, 3 Italia è cinese.

E pensare che fino a qualche anno fa Vodafone, Wind e 3 Italia erano italiani: poi, la britannica Vodafone acquisì il gruppo Omnitel (creato da Olivetti assieme ad altre aziende); Wind era nata come azienda in comproprietà tra Enel e altre aziende;  3 Italia è basata su quella che era l’azienda Andala UMTS creata da Renato Soru (gruppo Tiscali) e da Franco Bernabè per una piccola percentuale.

Se la società spagnola Telefonica grazie ad un accordo con le banche Intesa San Paolo, Mediobanca, Generali riuscirà nei prossimi mesi ad arrivare al 70% delle azioni di Telecom Italia, il consiglio di amministrazione di Telecom Italia dovrà decidere nelle prossime settimane in merito all’eventuale scorporo della rete telefonica ad un’altra azienda. L’Agcom sta già pensando di obbligare lo scorporo della rete se queste effettivamente non ci sarà.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus