Se vuoi risparmiare è il periodo giusto per cambiare la tua offerta


mondowebNegli ultimi mesi i gestori telefonici ci hanno sorpreso lanciando nuove promozioni al ritmo di una ogni settimana, dando vita ad una vera e propria “gara dei prezzi” attraverso nuovi pacchetti in cui possono essere inclusi minuti, chiamate e internet mobile. Questa è la direzione nel mercato della telefonia mobile in Italia perché consente al gestore telefonico di incassare immediatamente il canone settimanale o mensile dal proprio consumatore. Nel frattempo permette al consumatore di creare un buon prezzo percepito.

Nei prossimi mesi vedremo anche pacchetti senza limiti di minuti e/o messaggi a prezzi sempre più bassi. Le promozioni sono dedicate anche ai clienti ricaricabili che desiderano ricaricare il cellulare tranquillamente, secondo le loro necessità, pagando in anticipo il canone settimanale o mensile previsto.

Il consumatore, se vuole risparmiare, deve cambiare il proprio piano tariffario, in molti casi conviene che cambi anche gestore telefonico. Per fortuna alcuni gestori telefonici hanno messo a punto alcune offerte dedicate ai già clienti che devono pagare tra 9 e 19 Euro una tantum per il cambio di piano, secondo la promozione scelta. Purtroppo, però, ancora in molti casi si è costretti a cambiare gestore telefonico per potere usufruire di alcune offerte.

Le offerte attuali sul mercato della telefonia mobile in Italia, in questo scorcio del 2013, sono migliori per fortuna rispetto a quanto proposto anche nel recente passato, grazie anche alla diminuzione dei costi di terminazione previsti per il mese di Luglio 2013. In pratica se vuoi risparmiare è il periodo giusto per cambiare la tua offerta.

Attenzione comunque a non sbagliare il pacchetto scelto perché si rischia di pagare di più.

Per esempio: se si sceglie un pacchetto con pochi minuti a disposizione, ma se ne consumano il doppio, con la tariffa-base si rischia di pagare il doppio. Stesso discorso, per esempio, se si sceglie un pacchetto con tanti minuti a disposizione ma poi se ne consumano solo la metà: in questo caso si rischia di “regalare” minuti preziosi al proprio gestore.

Il consumatore sapendo di avere più minuti disponibili a disposizione sarà inevitabilmente portato ad effettuare anche qualche chiamata inutile che non avrebbe mai fatto prima, quando doveva pagare “a consumo”. In realtà, per i gestori, questa è una eccellente strategia per fare aumentare l’utilizzo del cellulare. Le tariffe low-cost a consumo esistono ancora e si possono trovare presso qualche gestore virtuale, ma sono adatti a chi il cellulare lo usa veramente poco o solo in alcuni casi dell’anno.

Per prima cosa, si deve effettuare un monitoraggio del proprio traffico telefonico nell’ultimo mese, verificando quanti minuti, quanti sms e quanto traffico internet si utilizza. Si deve poi verificare se le proprie chiamate sono “verso tutti” o solo verso numeri che utilizzano lo stesso gestore. A quel punto si deve decidere qual è il pacchetto più adatto a te. Non è opportuno attivare una promozione solo per chiamare, se poi alla fine si utilizzano anche molti sms e si ha l’esigenza o il piacere di navigare su internet.

Se invece si ritiene di poter superare il limite dei minuti disponibili, dei messaggi e della navigazione internet offerta dai pacchetti, meglio attivare un “pacchetto senza limiti”, ricordando però che si può rischiare di pagare per minuti poi effettivamente non utilizzati.

Purtroppo ci sono anche offerte non attivabili da tutti, ma solo da chi possiede determinate caratteristiche (per esempio: una fascia di età specifica, la nascita fuori dall’Italia, la residenza in alcune particolari città d’Italia). Su queste offerte noi siamo fermamente contrari, perché riteniamo che l’uguaglianza tra consumatori sia fondamentale. Fortunatamente non tutti i gestori creano questo tipo di differenze.

Oltre ad attivare il proprio profilo tariffario secondo le esigenze personali, si deve valutare anche la qualità dell’assistenza del gestore telefonico scelto. L’aumento dell’offerta sta dimunendo in alcuni casi anche la qualità di assistenza telefonica da parte del consumatore. A tal fine consigliamo di leggere: “No alla delocalizzazione fuori dall’Italia. L’assistenza telefonica perderà sempre di più la sua qualità“.

 

Se questa pagina di MondoMobileWeb ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, canale @mondomobileweb di Telegram, Google+ e iscriviti alla newsletter per ricevere tante informazioni e consigli utili! Se vuoi accettiamo anche una piccola donazione.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus