Fondazione Vodafone Italia: grazie al contributo dei clienti Vodafone raggiunto il traguardo di 2,5 milioni di euro donati a 11 Associazioni per la cura dei minori. Continua il progetto di “Ricarica Insieme”


Vodafone Italia e Fondazione Vodafone, per la prima volta insieme in un progetto che coinvolge tutti i Clienti, annunciano il traguardo di 2,5 milioni di euro raccolti in favore di 11 associazioni attive della cura dei minori e dei giovani. Il progetto “Ricarica Insieme” continua fino a settembre 2012 con l’ambizione di raggiungere traguardi sempre più importanti.

I Clienti Vodafone sono stati coinvolti nella fase di scelta dell’ambito nel quale intervenire, ed hanno contribuito direttamente con le donazioni, portando a questo un grande risultato.

Fondazione Vodafone, seguendo il criterio del matching grant, si impegna a donare 1 euro per ogni euro donato dai Clienti, raddoppiando di fatto il valore delle donazioni.

A settembre 2011 Vodafone ha lanciato, attraverso una campagna sms, una votazione con cui i Clienti sono stati invitati a scegliere un ambito di intervento a cui destinare i fondi della Fondazione Vodafone. Gli ambiti individuati erano: “Accoglienza”, “Cura” e “Crescita” ed in ciascuno erano raggruppate circa 10 associazioni, che avrebbero ricevuto i proventi delle donazioni.

Questa prima fase di voting ha raggiunto un risultato eccezionale: in 20 giorni hanno votato oltre 60.000 Clienti e l’ambito “Cura” é risultato vincitore con il 41% delle preferenze.

Le associazioni afferenti all’ambito “Cura”, che stanno già ricevendo i fondi, sono: Lega del Filo d’Oro (Modena), Aistmar (Milano), Lega italiana fibrosi cistica (Roma), Associazione Una Breccia nel muro (Roma), SEU (Monza e Brianza), Sostegno 70 insieme ai ragazzi diabetici onlus (Milano), Itaca (Milano, Roma, Asti, Palermo, Firenze), Fondazione Theodora (Milano)  Associazione Soccorso Rosa Azzurro (Napoli), Nuovarmonia (Roma), Un sogno per il Gaslini Onlus (Genova).

Per la raccolta Vodafone ha creato un nuovo taglio di ricarica ad hoc da 20 euro, chiamato “Ricarica Insieme”, che contiene 19 euro di traffico telefonico ed 1 euro che il Cliente sceglie di donare a sostegno dei progetti selezionati. “Ricarica Insieme” e’ stata lanciata lo scorso ottobre, e sarà disponibile fino a settembre 2012 in tutti i punti vendita Vodafone, nei rivenditori specializzati, all’interno del sito web www.vodafone.it e da bancomat. Se il cliente vuole può anche decidere di non donare inviando un sms gratuito scrivendo “NO DONO” al numero 47210 entro 24 ore dalla ricarica effettuata, riceverà 1 euro indietro entro 48 ore.

In questi giorni si sono raggiunti 2,5 milioni di euro di raccolta: di cui oltre 1 milione proveniente dalle donazioni effettuate dai Clienti e la stessa cifra “raddoppiata”da Fondazione Vodafone. La somma sarà erogata alle associazioni designate.

Ricarica Insieme e’ il primo esempio concreto di come l’azienda Vodafone e Fondazione Vodafone possano lavorare insieme in modo sinergico, di come sia possibile coinvolgere i Clienti nelle scelte più strategiche e di come questi contribuiscano volontariamente a costruire il patrimonio di Fondazione” – commenta Maria Cristina Ferradini, Head of Sustainability & Foundation di Vodafone Italia – “Il risultato di 2 milioni di euro raggiunto a 5 mesi dal lancio e’ veramente straordinario, ma contiamo di raddoppiarlo per settembre”.

La Fondazione Vodafone festeggia quest’anno 10 anni di attività, durante i quali  sono stati finanziati 345 progetti per un totale di 58 milioni di euro.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus